Bosch e la tecnologia che renderà i motori a gasolio più puliti di tutti. Già pronta per entrare in produzione

Bosch ha annunciato di aver sviluppato un nuovo sistema di gestione degli scarichi diesel. Tale sistema può ridurre le emissioni di gas smog ben al di sotto dei severi nuovi limiti stabiliti per l’Europa nel 2020.

Il colosso tedesco fattura 78 miliardi di euro l’anno, ha 402 mila dipendenti nel mondo e spende in ricerca e sviluppo 7,3 miliardi l’anno, quasi il 10 per cento del fatturato.

La nuova tecnologia fa miracoli perché utilizza una combinazione di iniezione di carburante, un nuovo sistema di gestione del flusso d’aria per il ricircolo dei gas di scarico e una gestione intelligente della temperatura senza ulteriori componenti aggiuntivi.

In questo modo si abbassano le emissioni di ossido di azoto a un decimo dell’importo fissato dai limiti più severi per l’Europa. I risultati sono costanti a prescindere dalle condizioni di guida, dalle condizioni meteorologiche o dall’aggressività del pilota nei confronti del pedale del gas.

Il tutto per una “cosa” pronta per essere montata in serie su gran parte delle nuove auto.

“I motori a combustione, sia alimentati a diesel che a benzina – spiega il CEO Bosch Volkmar Denner – emetteranno presto così poco di particolato e ossidi di azoto che non avranno alcun impatto significativo sull’aria”.

Spiega Volkmar : “Per chiunque abbia un interesse pragmatico e non ideologico a migliorare l’aria nelle nostre città, i motori diesel e il loro ulteriore sviluppo tecnologico saranno ovviamente parte della soluzione.
Dopo questa riabilitazione ecologica, il diesel può ripartire: non sono i motori a combustione a essere resi obsoleti, ma il dibattito sulla loro fine imminente”.

C’è chi blocca le Euro 6 diesel e non le Euro6 a benzina, equiparando i modernissimi motori a gasolio con i primi modelli che inquinavano come carri armati.

BES Portraits

Va anche detto che Bosch è anche il più grande fornitore di tecnologia per le auto elettriche al mondo.

Pubblicato in Blog

Usura dei pneumatici sotto controllo

Quando un pneumatico e’ usurato le prestazioni diminuiscono, si rischia la foratura, l’aquaplaning ed una pessima tenuta di strada.

Come capire se i nostri pneumatici sono usurati e  se devono essere sostituiti?

I pneumatici presentano indicatori di usura che ci permettono di capire quando è arrivato il momento di sostituirli. Individuarli è semplice, cercate sul fianco del pneumatico la sigla TWI oper esteso “Tread Wear Indicator” ed osservare il battistrada all’altezza di questa sigla. Riconoscerete un piccolo tassello di gomma alto 1,6 mm posto sul fondo di una scanalatura longitudinale del battistrada. Quando il battistrada è così consumato da giungere alla stessa altezza del tassello è arrivato il momento di sostituirlo, lo pneumatico ha raggiunto il limite legale di utilizzo ed il codice della strada impone la sua sostituzione.

 tread-wear-indi

 

Sono classificati 5 tipi di usura:

  • Usura normale: lo pneumatico è consumato in modo uniforme. L’indicatore di usura permette di individuare correttamente il momento di sostituirlo.
  • Usura a chiazze: frequente sugli pneumatici posteriori, è causata da una equilibratura non corretta o dal cattivo funzionamento degli ammortizzatori.
  • Usura asimmetrica: un fianco del pneumatico è più consumato dell’altro, l’usura asimmetrica è dovuta a un problema di parallelismo.
  • Usura al centro: un battistrada troppo consumato al centro può dipendere da una pressione troppo elevata.
  • Usura sulle spalle: una pressione troppo bassa determina l’usura dei lati del battistrada.

Un sistema alternativo per misurare l’usura del pneumatico prevede l’impiego di una moneta. Per pneumatici estivi inserite nelle scanalature centrali una moneta da 1 euro: se le stelle sul bordo sono visibili è arrivato il momento di cambiarli. In caso di pneumatico invernale, utilizzate una moneta da 2 euro: se il bordo esterno argentato è più alto della scanalatura lo pneumatico deve essere sostituito.

 

 usura-pneumatici-300x199

 

Pubblicato in Blog

EURO IV sospeso il blocco in EMILIA ROMAGNA

Smog, blocco veicoli diesel euro 4 revocato: l’Emilia-Romagna fa un passo indietro

Un passo indietro e ritiro del blocco per i motori diesel euro 4. In compenso, viene portato da quattro a tre giorni il limite degli sforamenti in seguito ai quali far scattare le misure di blocco del traffico di emergenza (compresi gli euro 4). Saranno inoltre aumentate le domeniche ecologiche. La Regione si impegna poi a mettere sul piatto cinque milioni di euro dal 2019 per incentivi ai privati per cambiare l’auto, oltre all’eco bonus già’ previsto per i mezzi commerciali, con la richiesta al Governo di stanziarne altrettanti per raddoppiare la cifra. E’ stato portato da 4 a 3 giorni il limite degli sforamenti che faranno scattare il blocco del traffico, e quindi anche degli euro 4. Aumenteranno inoltre le domeniche ecologiche. La Regione inoltre stanzierà 5 milioni di euro di incentivi per i cittadini che decideranno di acquistare un’auto più ecologica (dal 2019), mentre per i mezzi commerciali era già stato stanziato un bonus rottamazione.

https://www.bolognatoday.it/cronaca/euro-4-diesel-traffico-veicoli-blocco-ritirato.html

 

EURO IV è un insieme di standard sulle emissione  che si applica ai veicoli stradali nuovi venduti nell’UE a partire dal 2006, nell’ambito di una politica volta a ridurre l’inquinamento atmosferico sulla base degli studi relativi alla chimica ambientale dell’aria sugli inquinanti di fonte veicolare. L’Euro IV è stato sostituito dall’Euro V nel 2008, a sua volta sostituito dall’Euro VI nel 2014. Anche se nessuna tecnologia specifica è incaricata di soddisfare i requisiti, le riduzioni delle emissioni sono tipicamente ottenute attraverso l’uso delle tecnologie di riduzione selettiva catalitica (SCR) o di ricircolo dei gas esausti (EGR).

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera

 

 

Pubblicato in Blog

Acquisti ibrido? L’Emilia Romagna ti premia

Varato un contributo fino a 191 euro per chi nel 2018 sceglie un’auto nuova a doppia alimentazione, in pratica il valore del bollo. Il premio esteso anche a chi ha acquistato nel 2017.

Si tratta di una scelta a favore della mobilità sostenibile che vuole premiare chi si affida a veicoli più ecologici e a basso impatto
ambientale soprattutto negli spostamenti alle basse velocità caratteristici dei centri urbani, mezzi sempre più diffusi in Emilia-Romagna: dai 2.776 veicoli ibridi immatricolati nel 2015 in regione si è infatti passati ai 4.369 (+57%) del 2016 e ai 7.056 del 2017 (+61% rispetto all`anno precedente).

La decisione della Regione arriva dopo l`esenzione dal bollo auto varata nel 2016 per chi acquistava l`auto ibrida quell’anno (per le annualità 2016-2017-2018), senza però che la misura potesse essere replicata l`anno successivo a causa dell’impossibilità normativa di portare a termine una revisione complessiva del bollo auto. Per questo motivo, nell’ultima seduta la Giunta regionale ha deciso di estendere la concessione del contributo di massimo 191 euro anche agli oltre 7 mila automobilisti che hanno acquistato e immatricolato un veicolo ibrido nel 2017. Le domande online per ottenere il contributo si possono compilare da aprile (per il 2018) e da luglio (per il 2017). Nelle prossime settimane verrà ultimata l`attivazione di un portale regionale nel quale i cittadini residenti in Emilia-Romagna che hanno acquistato o che acquisteranno auto ibride nel 2018 potranno registrarsi, inserendo i dati anagrafici, quelli dell’auto e le coordinate bancarie: ogni anno la Regione accrediterà in automatico la cifra dovuta.
Gli emiliano-romagnoli che immatricolano un’auto ibrida nel 2018 o che l`abbiano già fatto nel 2017 dovranno pagare regolarmente il bollo auto ogni anno, potendo poi però chiedere il contributo regionale. Gli incentivi per la auto ibride si affiancano a quelli già previsti dalla legislazione nazionale per l`acquisto delle automobili elettriche, esentate dal pagamento del bollo per 5 anni. La Regione ha investito 2,4 milioni per l`acquisto di 103 veicoli elettrici per la pubblica amministrazione e sta stringendo accordi con i Comuni sulle regole di accesso ai centri storici e i parcheggi gratuiti per le auto elettriche. Sono 150 le colonnine interoperabili installate e ulteriori 30 sono in corso di installazione.

imgres

http://www.regione.emilia-romagna.it/notizie/2018/febbraio/lemilia-romagna-premia-chi-sceglie-lauto-ibrida-contributo-fino-a-191-euro-per-acquisti-nel-2017-e-2018

Pubblicato in Blog

LA PERFETTA EFFICIENZA DELL’AUTO

Una corretta manutenzione dell’automobile è sinonimo di sicurezza stradale per sé e per gli altri. Non tutti, purtroppo, la pensano così. Circolano quasi tre milioni di veicoli su cui non viene fatta alcuna manutenzione a causa, hanno detto gli intervistati, dei costi troppo elevati. Trascurare la propria auto significa però rischiare di spendere in futuro molti più soldi per sostituire ciò che si poteva semplicemente manutenere.

Il classico “tagliando”, ogni quanto va fatto? Dipende dall’auto: tutte le indicazioni inerenti alla manutenzione si trovano scritte sul libretto di uso e manutenzione del veicolo, oppure ci si può rivolgere comunque alla officina di fiducia che saprà dare i consigli più giusti.

Operazioni più complesse che riguardano la sostituzione del pezzo usurato o danneggiato come il cambio o la frizione – per fare due esempi lampanti – oppure intere parti del motore, sono interventi “straordinari” che possono capitare magari una volta sola nell’arco di vita di un’auto.

 

Noi di Fiocchi Auto Effeauto  vi permetteremo di fare viaggi tranquilli all’insegna della sicurezza.

Prenota la manutenzione della Tua auto presso la Nostra Officina.

La manutenzione intelligente dell’auto la trovi a Bologna da Fiocchi Auto Effeauto

no Fiocchi auto, ahi ahi ahi

DONNE_AL_VOLANTE2

Pubblicato in Blog

Qual è la soluzione migliore per disappannare i vetri della macchina?

Accendere il climatizzatore nella stagione fredda può sembrare un’idea strana. Eppure questo dispositivo può migliorare la visibilità e contribuire alla sicurezza stradale.
Imposta l’aria calda ed accendi il climatizzatore.
Se fa molto freddo, l’unico modo per non fare appannare i vetri, riducendo la visibilità verso l’esterno, è d’inviare verso il parabrezza molta aria calda, combinazione di un climatizzatore e di un riscaldatore.
Puoi azionare il tuo climatizzatore in tutte le stagioni e puoi dire addio ai vetri appannati!
Non farti trovare impreparato, vieni da FiocchiAuto Effeauto in via Stalingrado, 59/3 Bologna.
Un controllo all’impianto di climatizzazione è tutto quello che ti serve per viaggiare al caldo e al sicuro! 
vetroappannato_c

Pubblicato in Blog

Volkswagen torna a Pikes Peak nel 2018: “Race to the clouds”, la gara tra le nuvole

Da Volkswagen è arrivata la conferma riguardo la propria partecipazione ad una delle competizioni più rinomate del mondo, la Pikes Peak.

La Casa di Wolfsburg ha presentato sui suoi canali social, un nuovo teaser: il teaser dell’elettrica che proverà a battere il record della salita del Colorado. A 31 anni dall’ultima partecipazione la Casa tedesca torna sulla salita statunitense: per gli amici “Race to the clouds”, la gara tra le nuvole. La cronoscalata più famosa del mondo, con partenza a 1.440 metri e arrivo, dopo 19,99 km e 156 curve percorsi a tavoletta, a 4.300 metri.

Volkswagen-pikes-peak-2018-712x534

L’immagine svela la silhouette della vettura da corsa con cui il marchio di Wolfsburg ritornerà a Pikes Peak il prossimo anno (28 Giugno). Le linee sono particolarmente sinuose e tondeggianti, con un abbondante alettone anteriore, dotato di baffo illuminato, sembrerebbe a LED, mentre il posteriore si caratterizza da un alettone di dimensioni particolarmente generose e linee squadrate. La vettura dovrebbe essere spinta da un propulsore elettrico, in previsione dell’introduzione, dal 2020, di modelli green nella gamma della casa di Wolfsburg.

L’obiettivo è ambizioso: battere il record di 8 minuti e 57 secondi stabilito lo scorso anno da Rhys Millen al volante della e0 PP100. Di fronte a sé questa nuova sportiva elettrica a trazione integrale – costruita appositamente per questa competizione e di cui ancora non si hanno informazioni specifiche – avrà le 156 impegnative curve e i 20 km del tracciato statunitense.

Per l’occasione Volkswagen ricorda il lontano 1987 in cui Jocki Kleint si avvicinò al podio della Pikes Peak con la seconda generazione della Golf Mk2  dotata di due propulsori indipendenti di 1.3 litri, in grado di erogare fino a 250 CV di potenza.  Kleint si classificò quarto. L’ anno successivo (1988) la Volkswagen portò una versione ancora più elaborata della MK2 che montava due propulsori da 1,8 litri, ognuno posizionato su un asse, per un totale di 652 CV, ma fu costretta a ritirarsi a causa della rottura di una sospensione.

Un’auto dunque fondamentale per continuare lo sviluppo dei modelli elettrici della Casa. Modelli a emissioni zero che, entro il 2025, saranno ben 23.

“La nostra elettrica da competizione sarà equipaggiata con batterie e sistemi di propulsione innovativi. Le condizioni estreme della Pikes Peak ci daranno informazioni importanti che aiuteranno lo sviluppo, oltre a mettere in mostra le capacità dei nostri prodotti e delle loro tecnologie” ha spiegato Frank Welsch, Responsabile dello Sviluppo Volkswagen. “”Questo progetto rappresenta anche una pietra miliare nel nostro approccio alle competizioni” ha aggiunto Sven Smeets, Direttore della Volkswagen Motorsport.

PPIHC

Ottobre è il mese in cui si programma il cambio degli pneumatici

La marcatura di uno pneumatico corrisponde alle informazioni scritte sul suo fianco.
Oltre al nome della marca e della gamma è possibile leggere le misure e le caratteristiche dello pneumatico: larghezza, altezza, diametro, struttura, indice di carico e categoria di velocità.
Per avere la sicurezza di quello che compri, apri la carta di circolazione della tua auto dove trovi al foglio n.3 le misure di riferimento principali per i tuoi pneumatici ( ad esempio 185/65 R15 88H) omologate dal costruttore. Alla dicitura “segue pneumatici”, trovi ancora tutte le misure che puoi montare in alternativa sulla tua auto oltre a quella precedente.

es:

215/55 R17 94 H M+S

215/ larghezza nominale del pneumatico espressa in millimetri

/55 serie tecnica del pneumatico. Esprime il rapporto percentuale tra altezza del fianco e larghezza nominale del pneumatico

R costruzione radiale

17 Diametro del cerchio in pollici

94 indice di carico del pneumatico

H codice di velocità, indica la velocità massima per la quale è stato omologato il pneumatico

M+S indica che il pneumatico ha caratteristiche invernali.

 

misure-gomme-1024x512

1472022723

Pubblicato in Blog

GARE AUTOMOBILISTICHE SPAZIALI

La prima gara di velocità lontano dal nostro pianeta non rimarrà un fatto isolato e non solo per le prospettive di commercializzazione dello spazio, ma anche per quelle della ricerca pura.

Un’idea a prima vista strampalata. Il mecenate è Google. Il premio è di 20 milioni di dollari. Vi è già una multiforme compagine di partecipanti.

I partecipanti devono raggiungere la Luna, devono percorrere 500 metri sulla sua superficie e trasmettere sulla Terra video e foto in alta definizione.

Si parte entro la fine del 2017, pena l’esclusione per questo primo embrione di gara automobilistica spaziale.

Dai 34 concorrenti iniziali, ne sono rimasti in gara solo 5:

1) Moon Express  MX-1E

Il veicolo USA non sarà dotato di ruote, ma tenterà di coprire i 500 metri richiesti con un salto grazie a piccoli razzi ausiliari. Sarà anche il modulo base della stazione lunare che Moon Express vuole costruire entro il 2020.

2) Space Il   SPARROW

Anche il team israeliano punta ad un balzo, sfruttando il carburante rimasto nei razzi dopo la separazione dal vettore Falcon 9, che porterà Sparrow in orbita terrestre. Attualmente è in corso l’integrazione tra navicella e propulsori.

3) Synergy Moon  TESLA

Questo team internazionale sta lavorando su un veicolo dotato di telecamere e sensori scientifici per offrire un tour virtuale della Luna e al contempo studiarne il suolo.

4)Team Indus  ECA

Realizzato in alluminio e dotatao di un motore per ciascuna ruota, il rover indiano pesa circa 5 chilogrammi. Ospita strumenti scientifici dell’agenzia spaziale francese e punta a inviare foto e video appena toccata la superficie lunare.

5) Hakuto-Suzuki  MOONRAKER E TETRIS

Il team nipponico spedirà due rover gemelli. I veicoli, 4 chilogrammi ciascuno,hanno telecamere per vedere a 360 gradi e pannelli solari inclinati di 70 gradi, suddivisi in piccole celle disposte per sfruttare al massimo l’irradiamento.
Fiocchi Auto Effeauto ti porta a correre anche sulla Luna_2